Anzio
HOME PAGE
DORMIRE
MANGIARE
MARE
PROGRAMMAZIONI
DIVERTIMENTI
CULTURA
ALBUM
GUIDE
SERVIZI
LINK UTILI
INFORMAZIONI

 

Venerdì 9 novembre alle ore 16.00, presso il Museo Civico Archeologico, l'inaugurazione della mostra "ARCHEOIMMAGINI 2"

Inaugurazione della mostra di ARCHEOIMMAGINI 2: Mostra ideata dal Museo Civico Archeologico e realizzata in collaborazione con Associazione Culturale 00042
Silvia Arena, Elisabetta Civitan ed Emanuela Vela
allestimento sperimentale R.di.A.O. di Giusi Canzoneri

PROLOGO VOCALE
DUO FERRARI - DE FELICE
CHITARRA E FLAUTO TRAVERSO
CORALE CITTÀ DI ANZIO PER IL MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO
MICHELE ZANONI - DAVID MASCI (Direttori)
CORINNA POLLASTRINI (Pianoforte)
TINA BELLOBONO (Presidente).

Inaugurazione venerdì 9 novembre 2012 - ore 16.00
Museo Civico Archeologico di Anzio
La mostra resterà aperta dal 9 al 25 novembre
Tutti i giorni 10.30/12.30 e 16.00/18.00
Progetto grafico di Adelaide e Marialuisa Silvestri
Museo Civico Archeologico
0698499479 - 3284117535
Città di Anzio - Museo Civico Archeologico

L'immagine è da sempre strumento fondamentale per la ricerca storica e archeologica, poiché aiuta a comprendere e a illustrare una realtà, offre un supporto definitivo di conservazione dei dati e permette la diffusione delle conoscenze scientifiche, storiche e archeologiche, non solo agli esperti del settore, ma anche al grande pubblico. Ai giorni nostri le immagini non servono più solo a dare una percezione del monumento antico o scomparso, ma consentono di calarsi in un mondo, in una realtà virtuale, dando così la possibilità di immergersi sempre più nel passato. Come nella precedente edizione di Archeoimmagini, le fotografie esposte sono state scattate da fotografi professionisti e non; il tema di quest’anno prevede la messa a fuoco su soggetti, reperti e particolari archeologici che riguardano tutto il territorio di Anzio, ricco in questo senso di ritrovamenti e monumenti antichi. La mostra è allestita con un metodo sperimentale di relazione d’aiuto oggettuale, consistente nel creare un dialogo e una relazione tra l’opera remota, il contesto e l’opera contemporanea, inserita nella parte lacunosa dell’oggetto antico. L’elemento contemporaneo crea così una nuova memoria archeologica, diventando ponte tra passato e presente. Le foto, realizzate da Giancarlo Capobianco, Domenico Condello, Maurizio D’Eramo, Pietro Frisina, Stefano Murgia, Quirino Pollastrini, Rossella Romano, Alessandro Tinarelli,  anno risalto al particolare archeologico, visibile e invisibile, poiché la priorità del fotografo è di rappresentare con precisione sia ciò che si nota nell’immediato, ma anche l’elemento più nascosto, su cui cade meno l’attenzione, per dare così maggior valore al materiale archeologico.

Elisabetta Civitan.

Anzio, 6 novembre 2012

[indietro]